venerdì, 12 Aprile , 24

Formula1, Calendario 2025, si parte dall’Australia

24 tappe, Imola il 16 maggio, Monza...

Appello delle Università al G7: aumentare accesso all’istruzione nel mondo

Billari (Bocconi): sostenere coi Paesi G7 mobilità...

Giorgetti: chi paga le case green? Le famiglie, gli Stati, l’Ue?

Col Superbonus case rifatte da pochi fortunelli...

Welfare aziendale, le piccole e medie imprese venete ci credono

AttualitàWelfare aziendale, le piccole e medie imprese venete ci credono

Generali ha presentato il Welfare Index Pmi per il Veneto

Mogliano Veneto, 28 feb. (askanews) – Ha fatto tappa nella storica sede di Generali a Mogliano Veneto il roadshow dedicato al territorio per promuovere la cultura del welfare aziendale tra le aziende di piccole e medie dimensioni, con la presentazione del Rapporto Welfare Index PMI Veneto 2024. Welfare Index PMI è l’indice che valuta il livello di welfare aziendale nelle piccole e medie imprese ed è promosso da Generali con la partecipazione di Confindustria, Confagricoltura, Confartigianato, Confprofessioni e Confcommercio.

“Il welfare aziendale – ha detto ad askanews Barbara Lucini, responsabile Country Sustainability & Social Responsibility di Generali Italia – fa bene all’impresa e fa crescere il Paese. Infatti, le piccole e medie imprese venete monitorate in questo rapporto sono virtuose quando fanno della leva del welfare una leva strategica, utile per il proprio conto economico, ma utile anche per il benessere dei propri lavoratori, delle famiglie e delle comunità in cui spesso si trovano a operare. Quindi il welfare aziendale è come leva competitiva, ma anche come azione di sostenibilità quando l’impresa sa esercitare a pieno il proprio ruolo sociale”.

Sono venete il 16% delle best practice italiane di welfare aziendale: vengono infatti da questa regione 17 delle 121 imprese classificate nel 2022 come Welfare Champion, il livello più elevato secondo l’Indice. Il sistema produttivo regionale genera il 7,8% del PIL italiano, con circa 470.000 imprese, 96 ogni mille abitanti. Una capillarità che rappresenta anche un valore sociale di rilievo, perché le aziende agiscono come soggetti non solo produttivi e si assumono responsabilità verso l’ecosistema in cui operano.

“Noi come Generali – ha aggiunto Francesco Bardelli, Chief Health & Welfare and Connected Business Development Officer di Generali Italia e CEO di Generali Welion – crediamo molto nel Welfare tanto che abbiamo creato una nuova business unit, oggi celebriamo tra qualche giorno il primo anno della business unit Health and Welfare che ho l’onore e il privilegio di guidare, è una unit che mette insieme malattia e infortuni, quindi tutte le coperture assicurative che entrano in questo contesto sia per quanto riguarda le aziende quindi gli employ benefits dipendenti delle aziende, ma anche il mondo retail e le famiglie e in questo noi ci inseriamo anche tutta la parte di servizi salute”.

Entrando nel merito del rapporto si capisce quanto, a livello territoriale, la consapevolezza del ruolo del welfare aziendale sia radicata. “Più del 25% delle imprese venete – ha concluso Enea Dallaglio, di Innovation Team, che ha curato lo studio – hanno raggiunto livelli alti o molto alti di welfare aziendale. Questo è un patrimonio straordinario che arricchisce e innova i welfare, anche pubblico e privato, di un territorio pur ricco di iniziative sociali come il Veneto”.

E questo consente di immaginare un futuro basato su un’alleanza tra welfare pubblico e welfare aziendale, per innovare profondamente i servizi rivolti a cittadini e famiglie.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles