venerdì, 12 Aprile , 24

Il tonno in scatola punta agli sportivi: 1 su 4 sceglie cibi proteici

Ancit-Astraricerche: 85% italiani che praticano sport segue...

“Ecodesign the Future: EEE edition”, premiati giovani innovativi designer

Workshop realizzato da EconomiaCircolare.com in collaborazione con...

Pd, De Luca: non dirò niente su vicende Bari e Torino ma prudenza

Ricordo vicenda di Bibbiano quando ci fu...

A Bucarest un evento sulle opportunità del settore energetico romeno

Organizzato da Confindustria Romania, Studio legale Antico&Partners...

“Stop al genocidio”, studenti e Cobas in piazza a Firenze

Genova“Stop al genocidio”, studenti e Cobas in piazza a Firenze

FIRENZE – “Firenze non ha paura. Stop al genocidio” in Palestina. I sindacati di base del Si Cobas, gli studenti di sinistra i collettivi degli studenti delle scuole superiori tornano in piazza a Firenze. Studenti e lavoratori si ritroveranno già domani in piazza Santissima Annunziata (dalle 16.30) “per un’assemblea aperta di convergenza, verso la mobilitazione cittadina” di sabato prossimo, alle 18, “per rivendicare il diritto di manifestare ed esprimersi sotto al consolato Usa“, annunciano le sigle in un post che sta circolando sulle piattaforme social. Sabato, si spiega dopo le cariche dello scorso venerdì, “torneremo a manifestare al fianco del popolo palestinese. Porteremo la nostra voce davanti al consolato Usa per richiedere la fine del genocidio, il cessate il fuoco immediato, la fine dell’occupazione coloniale israeliana”. Perché, si spiega, “non può vincere la paura” e “non possono vincere i manganelli”.

E perché “di fronte all’orrore che quotidianamente si consuma a Gaza sentiamo dentro di noi il dovere di non rimanere indifferenti; di fronte alle violenze della polizia di Firenze e di Pisa rivendichiamo il diritto di manifestare, di esprimerci, di protestare”. Oggi “c’è un urlo che si deve sentire sempre più forte. È quello delle migliaia di ragazze e ragazzi che in Palestina non hanno più scuola, casa, genitori o non hanno più la vita. Sono già più di 10.000 i minori uccisi in 100 giorni dai bombardamenti israeliani. Sta a noi fare risuonare questo urlo. Farlo nostro. Dalle scuole, dalle università, dai posti di lavoro. Farlo diventare coro. Fargli rompere i bavagli della censura e dei manganelli”.

L’articolo “Stop al genocidio”, studenti e Cobas in piazza a Firenze proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles