venerdì, 12 Aprile , 24

Anicav: nel 2023 export derivati del pomodoro a 3 mld (+16%)

De Angelis: prodotti nostra industria da materia...

Basilicata, Chiorazzo: con Bardi persi altri 20mila residenti

“Serio rischio diminuzione demografica nelle aree svantaggiate” Roma,...

David Donatello, Anatomia di una caduta Miglior Film Internazionale

Sarà assegnato il 3 maggio nella cerimonia...

G7 Trasporti, ambasciatore Usa premia le idee degli studenti ITS lombardi

In Mind l’hackathon di Fondazione Triulza su...

La direttiva Ue contro le discriminazioni di genere sul lavoro: “Vicini a una svolta”

GenovaLa direttiva Ue contro le discriminazioni di genere sul lavoro: “Vicini a una svolta”

“Le discriminazioni salariali rappresentano un grande problema per il raggiungimento dell’uguaglianza nel mondo del Lavoro. Anche l’Europa scende in campo grazie ad una direttiva specifica (2023/270), con l’obiettivo di superare il divario retributivo di genere che oggi, nell’Ue, è di circa il 13%”. La direttiva dovrà essere recepita entro il 2026 ed imporrà alle imprese, almeno quelle da oltre 100 dipendenti, la trasparenza sulle retribuzioni dando la possibilità, al personale discriminato, di ottenere un risarcimento. La nuova direttiva rappresenta per l’Italia un passaggio molto importante, se consideriamo che in termini assoluti lo stipendio medio delle donne è di circa 8mila euro in meno rispetto a quello degli uomini. Siamo di fronte ad una svolta importante anche in termini di organizzazione del Lavoro, perchè le aziende dovranno adottare parametri per misurare competenza, impegno e responsabilità. Auspichiamo che tutti possano adeguarsi, anche partendo dalla certificazione di parità che offre un grande impulso all’equità e alla parità salariale”. È il commento di Floriana Tomassetti, Ceo della ESCo Ecosfera Servizi spa, azienda leader nell’efficientamento energetico degli immobili.

L’articolo La direttiva Ue contro le discriminazioni di genere sul lavoro: “Vicini a una svolta” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles