mercoledì, 29 Maggio , 24

Roland Garros 2024, Djokovic al secondo turno

(Adnkronos) - Il serbo Novak Djokovic,...

Ucraina addestra detenuti, Russia compra soldati per 2000 dollari

(Adnkronos) - La Russia 'compra' soldati...

Mauro Corona: “Brava Meloni, lezione a De Luca”

(Adnkronos) - "Meloni ha fatto benissimo...

Ismea: comparto vinicolo vale 1/3 mercato assicurativo agevolato

AttualitàIsmea: comparto vinicolo vale 1/3 mercato assicurativo agevolato

Futuro è nel mix di strumenti e nella “difesa attiva”

Roma, 15 apr. (askanews) – Delle oltre 241.000 imprese vitivinicole italiane, quasi 27.000 (l’11%) sono assicurate contro i rischi meteoclimatici, realtà che in termini di superfici rappresentano però un più significativo 30% degli ettari complessivamente vitati (673.000 circa). Un comparto che concentra oltre un terzo del mercato assicurativo agricolo agevolato specifico delle coltivazioni vegetali, con polizze che cumulano un valore di circa 2,3 miliardi di euro, pari ad oltre il 50% della Plv del settore.

I numeri sono stati illustrati oggi da Ismea, al convegno svoltosi al Vinitaly dal titolo “Misure attive e passive di gestione del rischio nella filiera uva da vino” e confermano l’importanza del comparto vitivinicolo in termini di adesione agli strumenti di risk management e che allo stesso tempo evidenziano la necessità di salvaguardare patrimonio e capitale circolante di un asset di assoluto rilievo per l’agroalimentare italiano, grazie a un giro d’affari alla produzione di poco meno di 14 miliardi di euro (oltre il 10% del fatturato agrifood) e ai quasi 8 miliardi di esportazioni, con le cantine italiane che muovono fuori dai confini nazionali i volumi in assoluto più elevati a livello mondiale.

Dal punto di vista territoriale, nel 2023 l’aumento del 2% del numero delle aziende vitivinicole assicurate nelle regioni settentrionali non ha compensato il calo registrato nel resto d’Italia, rispettivamente del 9% nel Centro e del 18% nel Mezzogiorno, con il dato nazionale che ha fatto segnare pertanto una contrazione del 4,9% sul 2022.

II Nord copre poco meno dell’80% dei valori assicurati in Italia, con il ruolo-pivot del Veneto (40,4%), prima regione vitivinicola a livello nazionale, seguito dal Friuli-Venezia Giulia (11,5%); nelle regioni centrali, con circa il 10% di quota, è la Toscana a fare la parte del leone (7,8%), mentre al Sud, Isole comprese (10,7%), il primato va alla Puglia, con il 6,7% dei valori complessivamente assicurati.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles