giovedì, 25 Luglio , 24

Ecco le proposte M5s per la scuola

AttualitàEcco le proposte M5s per la scuola

Conte: “Vera emergenza Paese, dal governo silenzio assordante”

Milano, 21 set. (askanews) – Una card da 500 euro l’anno per aiutare le famiglie alle prese con il caro-libri, interventi sul dimensionamento scolastico e per evitare le classi pollaio, risorse per garantire il tempo pieno su tutto il territorio nazionale, introduzione dell’educazione sessuale ed affettiva e psicologo scolastico in tutti gli istituti. Sono le proposte per la scuola presentate dal Movimento Cinque Stelle per far fronte a quella che Giuseppe Conte chiama “un’emergenza”, con l’autonomia differenziata che rischia di aumentare le differenze tra Nord e Sud.

Per il M5s è infatti “a rischio il diritto allo studio”, nel momento in cui “la scuola sta diventando un bene di lusso: non possiamo permetterlo”, dice il deputato Antonio Caso, elencando le statistiche poco lusinghiere per l’Italia: sotto la media Ue per spese in istruzione in rapporto al Pil, agli ultimi posti per la dispersione scolastica, gli adulti poco istruiti, lo stipendio dei docenti. Dunque “dobbiamo invertire la tendenza: aumentare gli investimenti per raggiungere la media europea, una direzione che però non vediamo nel governo”.

La collega Orrico illustra nel dettaglio le proposte: “La dote educativa: una card personale con 500 euro ogni anno per ogni bambino delle famiglie con Isee fino a 45mila euro, per libri, cancelleria e le attività extradidattiche. Fondo strutturale da 500 milioni di euro per il tempo pieno in tutte le scuole: serve a garantire a studenti e famiglie una serie di attività extrascolastiche. Trenta milioni nel biennio per finanziare i Comuni e promuovere le ‘comunità educanti’ con volontariato, terzo settore, famiglie, per elaborare una proposta educativa” che contrasti la dispersione scolastica”. E poi insegnamento dell’educazione affettiva e sessuale dalle secondarie fino all’università con l’introduzione strutturale dello psicologo: “I dati dimostrano che diminuiscno gravidanze e aborti, infezioni a trasmissione sessuale, abusi sessuali ed episodi di omofobia”. Infine invertire la tendenza anche sul dimensionamento scolastico, fissando a 22, al massimo 23, il numero di bambini per classe.

Le fila le tira Conte: “Meloni inventa nuovi slogan e bluff per distogliere l’attenzione dal disastro immigrazione, ma noi non possiamo dimenticare che le famiglie oggi devono scegliere se comprare i libri di testo o fare il pieno alla macchina. E poi il carrello della spesa, i mutui… A noi questa realtà non sfugge ma il governo non ha stanziato un euro per il caro-libri, nonostante un’inflazione dell’8-10%. Silenzio assordante del governo: parla tanto, counica in modo furbo, ridenomina i ministeri.. Ma il governo deve risolvere i problemi, non fare video con atteggiamenti decisionisti, battendo i pugni sul tavolo che non risolvono nulla del disagio delle famiglie italiane”. La card in particolare “è urgente”, perchè ormai “anche il ceto medio fa fatica”.

Allora “cerchiamo di pungolare il governo, perchè i tagli che stanno facendo lascieranno ferite non rimarginabili”. L’appello è a “non tagliare i fondi per le periferie, quelli per i giovani studenti: il riscatto passa dalla scuola, e invece di parlare improvvidamente di merito, costruiamo percorsi in cui tutti possano migliorare la loro condizione di vita. È vero quello che hadetto la Meloni sul fatto la famiglia d’origine conta più del merito, e allora invece di assegnare posti di potere a parenti e congiunti, aiuta i ragazzi, investi nella scuola per avere una formazione adeguata”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles