ROMA – “Stiamo preparando aiuti concreti, non voglio più cuoricini e faccine che piangono su Facebook. Stiamo raccogliendo cibo in scatola, coperte, abiti. La nostra gente ha bisogno di aiuto”. A parlare con l’agenzia Dire è Mary G., make-up artist ucraina che in Trentino Alto Adige si sta mobilitando con amici, connazionali presenti in Italia, grazie all’associazione culturale di ucraini in Trentino ‘Rasom’ (ass.rasom@yahoo.it). Molte altre le associazioni locali che si stanno unendo in queste ore e le istituzioni del territorio pronte ad attivarsi.

LEGGI ANCHE: LIVE | Russia: “Ucraina non vuole negoziare, riprende avanzata”. Turchia blocca Mar Nero alle navi russe

A Zaporoghye, città d’origine di Mary dove vive suo padre, è ancora tutto tranquillo, ma intanto suo fratello minore è partito volontario con l’esercito. “La Russia è un bugia costante, gli ucraini sono un popolo orgoglioso e stanno resistendo e combattendo fortemente – dice Mary – Sono orgogliosa del mio popolo. Domani alle 15 a Trento ci sarà una manifestazione. Mai avrei pensato – conclude – che saremmo diventati un Paese di profughi”.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Grynevych (Caritas): “Ai fratelli russi dico basta guerra”

Invasione Ucraina, allarme Unicef: “Rischio immediato per sette milioni e mezzo di bambini”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Dal Trentino aiuti a Kiev: “Non bastano i cuoricini su Facebook” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento