venerdì, 12 Aprile , 24

Giornata Terra, Fondazione Barilla regala 100mila copie di 100 Foods Facts

Iniziativa al centro della campagna sui temi...

Fondi Fsc, De Luca: si anticipi udienza del Consiglio di Stato

Il 13 giugno è troppo tardi, salterebbe...

Fondi Fsc, De Luca: Consiglio Stato invita a rapida soluzione

Sospesi termini per nominare un commissario ad...

Chiara Ferragni: “Al centro di una ondata d’odio”

AttualitàChiara Ferragni: "Al centro di una ondata d'odio"

L’intervista dell’influencer a “Che Tempo che fa”

Roma, 3 mar. (askanews) – Sobrio completo giacca-pantalone nero, un filo di collana con due pendenti, Chiara Ferragni si presenta così all’intervista di Fabio Fazio su Canale9 a Che Tempo che fa. “Ho sentito dire che c’era attesa per questa conversazione”, ha rotto il ghiaccio scherzando il presentatore. “Questa sera – ha detto Fazio – è un’occasione per essere sinceri”.

“Sono stati due mesi e mezzo tosti in cui mi sono trovata al centro di una ondata d’odio, non ero preparata”, ha detto l’imprenditrice digitale. “Lo spartiacque – racconta Ferragni – è stato il 15 dicembre 2023, con l’inchiesta dell’Antitrust – ha detto Chiara Ferragni -. Ero in buonafede. Ma a quel punto ho capito che se tanti avevano frainteso allora le cose potevano davvero essere fatte meglio. Se le persone hanno capito così, c’è stato un errore”.

“Io non sono dell’idea che la beneficenza vada fatta solo privatamente. Ma fatta pubblicamente può accendere il faro su alcune tematiche. Come è successo a me a Sanremo, quando ho devoluto il mio cachet all’associazione Dire. Nel Covid io e Federico abbiamo fatto una donazione di 50mila euro a testa, se non lo avessimo comunicato, si sarebbe rimasti a 100mila euro”.

“Tutti sbagliamo e commettiamo errori. E’ giusto far vedere anche questo, le fragilità – ha sottolineato -. Dobbiamo imparare a conviverci e avere intorno a noi tanto supporto, avere persone che ti facciano credere in te”. (Segue)

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles