venerdì, 12 Aprile , 24

Il tonno in scatola punta agli sportivi: 1 su 4 sceglie cibi proteici

Ancit-Astraricerche: 85% italiani che praticano sport segue...

“Ecodesign the Future: EEE edition”, premiati giovani innovativi designer

Workshop realizzato da EconomiaCircolare.com in collaborazione con...

Pd, De Luca: non dirò niente su vicende Bari e Torino ma prudenza

Ricordo vicenda di Bibbiano quando ci fu...

Chiara Ferragni a Che tempo che fa, Codacons: “Assurdo si parli ancora di fraintendimenti”

Dall'Italia e dal MondoChiara Ferragni a Che tempo che fa, Codacons: “Assurdo si parli ancora di fraintendimenti”

(Adnkronos) –
L’intervista di Chiara Ferragni da Fabio Fazio non convince il Codacons e viene bocciata dall’associazione dei consumatori. “Chiara Ferragni deve togliersi dalla bocca le parole ‘fraintendimento’ e ‘buona fede’, perché quando un pandoro viene venduto attraverso comunicati stampa e cartigli che lasciano intendere ai consumatori l’esistenza di un legame tra vendite e donazioni in favore dei bambini malati di cancro, non può esserci alcun tipo di fraintendimento e nessun errore di comprensione da parte dei cittadini”, sottolinea il Codacons. Che critica anche l’approccio del conduttore: “Fabio Fazio avrebbe dovuto entrare più nel dettaglio della vicenda e delle comunicazioni legate al pandoro, in modo da chiarire meglio ai telespettatori quali fossero i chiari messaggi lanciati dalla Ferragni e da Balocco che non lasciavano affatto spazio ad alcun fraintendimento”, dice l’associazione dei consumatori. “Quando si ingannano 300mila consumatori le parole ‘fraintendimento’ e ‘buona fede’ vanno sostituite dalle parole ‘dolo’ e ‘falsi’, ma un Fazio non ci arriva proprio o fa finta di non arrivarci…”, conclude il Codacons.  

L’associazione ricorda poi un passaggio del provvedimento con cui l’Antitrust sanziona la vicenda del pandoro Balocco. “Scrive testualmente: ‘Con riguardo al contenuto del cartiglio apposto sui Pandori griffati (che riportava: ‘Chiara Ferragni e Balocco sostengono l’Ospedale Regina Margherita di Torino, finanziando l’acquisto di un nuovo macchinario che permetterà di esplorare nuove strade per le cure terapeutiche dei bambini affetti da Osteosarcoma e Sarcoma di Ewing’), si evidenzia che in nessuna parte del messaggio è dato rinvenire che il finanziamento si riferisce a una donazione, fatta in cifra fissa e mesi prima; al contrario, la formulazione, data anche la sua collocazione sulla confezione del pandoro, lasciava intendere che il reperimento dei fondi per la donazione fosse legato alle vendite del Pandoro griffato”, conclude il Codacons. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles